Archivio mensile:Aprile 2010

Bambini soldato

Convegno Tecnologie per la pace: i bambini soldato – 7 maggio 2010 – Aula magna dell’Università degli Studi di Milano, via Festa del Perdono 7, dalle ore 8,30
Al Vertice del Millennio delle Nazioni Unite, tenutosi nel settembre 2000, 189 Capi di Stato e di Governo hanno adottato all’unanimità la Dichiarazione del Millennio, ribadendo che “Non risparmieremo alcuno sforzo per liberare i nostri uomini, donne e bambini dalle miserabili ed inumane condizioni di estrema povertà a cui più di un miliardo di essi sono attualmente sottoposti” ed a “rendere il diritto allo sviluppo una realtà per ogni individuo”.

Questa ampia gamma di impegni, nota come gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (MDGs – Millenium Development Goals), include interventi per liberare l’umanità dal giogo di povertà estrema, fame, analfabetismo, malattie, conseguire uguaglianza di genere, sostenibilità ambientale, e istituire un partenariato globale per lo sviluppo

Il 7 Maggio 2010 si svolgerà presso l’aula magna dell’Università degli Studi di Milano, via Festa del Perdono 7, dalle ore 8,30 l’evento su: Tecnologie per la pace: i bambini soldato.

Apriranno i lavori Kon Kelei dal Sudan e Zlata Filipovic dalla Bosnia, ex- bambini soldato e vittime di guerra – NYPAW members.

Il pomeriggio, dopo la pausa pranzo i due testimonials dibatteranno con il pubblico.

I testimonial saranno presenti anche il sabato mattina alla Villa reale di Monza dove incontreranno il pubblico.

Per approfondire l’argomento e ottenere ulteriori informazioni su questi eventi si consiglia di consultare il sito: http://www.netpoleis.it/progetti.aspx?idPagina=19 .

La scheda per  iscriversi è reperibile all’indirizzo: http://www.netpoleis.it/progettiIscrizione.aspx?idPagina=71

Borse di studio universitarie

La Sede di Cremona del Politecnico di Milano bandisce un concorso per l’assegnazione di 10 Borse, ciascuna del valore di 5 000 Euro, a studenti meritevoli diplomati nell’anno 2010 e che s’iscriveranno ai Corsi di Laurea in Ingegneria Gestionale o Ingegneria Informatica presso la Sede di Cremona nell’a.a. 2010/11.

La Borsa di Studio, cumulabile anche con altre borse, include, inoltre, la possibilità di accedere ad un percorso di formazione avanzata.

I principali fattori considerati per l’assegnazione delle Borse di Studio saranno: i risultati scolastici conseguiti durante gli studi di Scuola secondaria di secondo grado, le capacità personali dello studente e la formazione multidisciplinare. La votazione conseguita all’esame di fine ciclonon è, infatti, l’unico requisito determinante per l’ammissione. Le candidature saranno vagliate attraverso appositi colloqui attitudinali con i docenti di riferimento del corso di studio prescelto.

Il Bando e la Domanda d’ammissione sono scaricabili all’indirizzo:

http://www.sede-cremona.polimi.it/avvisi_eventi/scheda_avvisi.php?id_nav=6562&id=252

Per ulteriori informazioni è possibile scrivere a orientamento@polimi.it o telefonare al numero 0372 567703/04.

DDL Gelmini università

DDL Gelmini sull’università, presidio a Torino il 9 aprile per chiederne il ritiro.

L’iniziativa in difesa dell’Universita’ pubblica e del diritto allo studio si terrà in Piazza Castello dalle ore 12 alle 14.

La FLC CGIL ha espresso la propria contrarietà al DDL Gelmini sull’università, chiedendone il ritiro. Gli oltre 800 emendamenti presentati in commissione al Senato, in modo trasversale da maggioranza e opposizione, rischiano di generare un mostro legislativo devastante per l’Università italiana, minandone la missione di didattica e ricerca, lasciando inalterati i problemi che si porta dietro e introducendone di nuovi e gravi.

Di cruciale gravità è senza dubbio la parte riguardante i ricercatori, che ha generato il moto di protesta nell’Ateneo torinese, con la rinuncia della didattica nel prossimo anno accademico: gli attuali ricercatori andrebbero ad esaurimento, non c’è l’introduzione della terza fascia docente, il futuro vedrebbe l’aumento (ancora maggiore rispetto ad oggi) del precariato, con prospettive ancora più esigue del presente.

Nessun passo avanti, anzi nessun cenno, è stato fatto inoltre sul confronto in tema di precariato universitario dall’attuale Governo. Dieci saranno gli anni minimi, sanciti per legge, che un dottore di ricerca dovrà svolgere da precario, a cui aggiungere contratti co.co.co e mancata copertura economica tra un contratto e l’altro, prima di poter accedere ad una vera e propria lotteria per un posto da associato in competizione con gli attuali ricercatori: una guerra tra poveri! Un quadro drammatico alimentato ancora di più dall’applicazione dei tagli al fondo di funzionamento ordinario, D.Lgs 133/2008 e 1/2009, contro i quali la mobilitazione deve continuare.

Oggi, 9 aprile si terrà il primo appuntamento della Conferenza d’Ateneo convocata dal Rettore, ma oltre a discutere all’interno dell’Università di Torino delle ripercussioni che causerà il DDL, riteniamo che la protesta che sta investendo il nostro Ateneo debba essere portata all’attenzione del Ministro in modo ufficiale tramite il Prefetto di Torino.

Per questi motivi la FLC CGIL di Torino ha organizzato un presidio davanti alla Prefettura di Torino in piazza Castello, il 9 aprile 2010 dalle 12 alle 14. Si chiederà di incontrare il Prefetto invitandolo a farsi portavoce presso il Ministro Gelmini delle cause della protesta che è in atto presso l’Università di Torino. Saranno, inoltre, ribadite le conseguenze che tale protesta potrà avere nel prossimo anno accademico.