Archivio mensile:Maggio 2010

Vola in America con Ide

Volare in America per fare sentire la propria voce e per intraprendere una carriera internazionale. E’ la formula studiata da Ide, Isole d’Europa, che dal 1999 si occupa di “coltivare” i giovani talenti per la classe dirigente di domani, secondo il motto “Training World-Class Leaders”. Per gli studenti universitari, ma anche per quelli che il proprio corso universitario l’hanno già portato a termine, Ide ha programmato una serie di attività altamente formative e professionalizzanti che mirano all’arricchimento del curriculum vitae.
Il corso si chiama “Target: Diplomacy”e ha come scopo quello di preparare aspiranti ambasciatori nella conduzione di negoziati ufficiali tra rappresentanti di stati, utilizzando “savoir-faire” per ottenere vantaggi strategici o per giungere a soluzioni accettabili per entrambe le parti che si fronteggiano su un determinato tema. Il corso è diviso in due livelli o “target”, incentrati su un’Interactive Learning Experience, a conclusione dei quali, si prende parte a uno stage di simulazione all’estero, a scelta tra Washington, San Francisco, Boston. New York, invece, alla fine del progetto, diventa “Meta di turismo”.
“Le simulazioni delle Nazioni Unite – spiega Valentina Carlino, presidente di Ide- sono uno strumento eccellente per familiarizzare con l’Onu e imparare i meccanismi dell’Organizzazione, le regole del lavoro politico e diplomatico. Le destinazioni sono state scelte tenendo conto della presenza di importanti poli universitari e college americani ed europei. A Washington – precisa Carlino – la simulazione è organizzata dall’NCCA (National Collegiate Conference Association) in collaborazione con l’Osgood Center for International studies e con la John Hopkins University, a San Francisco con la Ucla e la Berkeley e a Boston con lo staff della Harvard University”.
La didattica di “Target: Diplomacy” è seguita da un corpo docenti, selezionato tra le università aderenti al progetto e da esperti in materie giuridiche, economiche e linguistiche, coordinati dalla Professoressa Nicoletta Parisi, ordinario di Diritto Internazionale nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Catania e titolare dell’insegnamento di “Diritto Pubblico: Regolazione e Concorrenza nel Settore della Comunicazione” presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università Cattolica di Milano.

Per altre info sui costi e sul programma, www.isoledeuropa.com/universita/blog

Università di Bologna: Prestiti Fiduciari “UniCredit ad Honorem”

L’ Alma Mater Studiorum Università di Bologna, in accordo con la Fondazione Alma Mater, UniCredit  Banca e UniCredit Family Financing Bank, offre ai propri studenti la possibilità di richiedere un prestito fiduciarioUniCredit ad Honorem“, senza necessità di presentare garanzie reali o personali di terzi.

Tutte le informazioni necessarie per conoscere i requisiti, le modalità di partecipazione per richiedere il prestito online.

Studenti iscritti ai Master
Sono aperti i termini per presentare la richiesta di prestito fiduciario per l’a.a. 2009/2010.

Studenti iscritti ai Corsi di Alta Formazione e Formazione permanente
Sono aperti i termini per presentare la richiesta di prestito fiduciario per l’a.a. 2009/2010.

Studenti iscritti ad altri corsi
Sono aperti i termini per presentare la richiesta di prestito fiduciario per l’a.a. 2009/2010.

L’Alma Mater coinvolta nella realizzazione di un corto indipendente

Ulisse Futura: l’ Alma Mater coinvolta nella realizzazione di un corto indipendente

Il film prodotto dall’associazione culturale Caucaso, diretto da Enrico Masi e Stefano Croci, protagonisti Bernardo Bolognesi e Ivano Marescotti, vedrà la supervisione di Mela, il laboratorio audiovisivo del Dipartimento di Scienze dell’educazione

Dopo la morte del padre, Ulisse Fioravanti scopre di aver ereditato una fabbrica in disuso, l’Ulisse Futura. Ma presto si accorgerà che un ex socio dell’azienda di famiglia ha mire speculative proprio sui terreni di cui è appena entrato in possesso, e ha intenzione di contenderglieli con mezzi più o meno leciti.

E’ la sinossi di “Ulisse Futura”, un cortometraggio che due giovani registi bolognesi, Enrico Masi e Stefano Croci, gireranno a in città tra l’8 e il 14 maggio. La durata sarà attorno ai venti minuti, e le tecnologie usate saranno di livello professionale cinematografico.

Contando post-produzione e montaggio, il tutto sarà pronto per ottobre. Nei panni di Ulisse, il protagonista, ci sarà Bernardo Bolognesi, visto di recente sui grandi schermi ne “L’uomo che verrà” di Giorgio Diritti. L’ex socio del padre sarà invece Ivano Marescotti.

“Ho accettato l’ingaggio – dice Marescotti – perché ho trovato interessante il personaggio che mi è stato proposto. Potrebbe diventare persino entusiasmante, chissà: dipenderà da come andranno le cose. Ma con i cortometraggi è sempre così. Sono una scommessa”.

A produrre il film sarà Caucaso, un’associazione culturale che riunisce un gruppo di giovani appassionati di cinema. Alcuni di questi, tra cui anche uno dei registi, Enrico Masi, sono legati a Mela, laboratorio multimediale del Dipartimento di Scienze dell’educazione. Proprio per questo anche l’Alma Mater è coinvolta nel progetto, e Mela offrirà la propria supervisione durante tutte le fasi di realizzazione del corto.

“Dietro a un progetto di questo genere – spiega Roberto Farné, direttore del Dipartimento di Scienze dell’educazione – c’è non solo l’esigenza di esprimere idee in forma audiovisiva, ma c’è anche un’idea pedagogica, che ci viene dal passatto, dal mondo dell’officina, del laboratorio. Il passaggio delle competenze da chi è già affermato a chi ancora è alle prime armi e che magari ha idee nuove, ma ha bisogno di una guida e dell’esperienza necessaria per applicarle e farle crescere”.

Le riprese saranno fatte tra il centro di Bologna, in zona universitaria, e il Balzo dei Rossi, una ex cava alle porte della città, estrema propaggine di parco Talon. In quell’area sorge infatti l’imponente fabbrica ormai dismessa che è stata della Grandi Lavori, luogo ben conosciuto dai due registi e che è stato d’ispirazione per la nascita del film.

Siglato un accordo tra Prospera e l’Università di Bologna

Saranno attivate forme di collaborazione per favorire una migliore conoscenza delle problematiche legate all’inserimento nel mondo del lavoro e promuovere l’ imprenditorialità fra le giovani generazioni

Alla presenza del rettore Ivano Dionigi, è stato firmato ieri mattina da Gianluca Fiorentini, preside della Facoltà di Economia, e Pier Luigi Curcuruto, presidente di Prospera – associazione no profit costituita da oltre 900 manager d’azienda, professori universitari e professionisti – un accordo per favorire l’entrata degli studenti nel mondo del lavoro e per promuovere l’imprenditorialità giovanile.

Il documento prevede la realizzazione di interventi formativi su quattro temi principali: strategia aziendale, controllo di gestione, business venture e finanziamento start-up, per gli studenti della Facoltà di Economia.

Il protocollo d’intesa tra l’associazione e l’Alma Mater prevederà anche un accordo con la Facoltà di Scienze. I temi principali saranno: business intelligence e knowledge management, sistemi distribuiti, reti wireless e problematiche giuridiche dell’informatica.

Prospera, il cui nome è l’acronimo di Progetto Speranza, riunisce manager, imprenditori e professionisti, nella volontà di affrontare ed essere partecipi alla soluzione di alcuni grandi temi del nostro tempo: la profonda crisi dei modelli di sviluppo dell’economia mondiale, l’impasse in termini economici, sociali, culturali ed etici, le incertezze delle nuove generazioni in tale situazione e la difficoltà dei giovani a proiettarsi con fiducia verso il futuro.