Archivio mensile:Dicembre 2012

Studiare la lingua inglese nelle capitali europee

 

Si avvicinano le vacanze di natale e molti studenti stanno facendo i bagagli, in queste ore, per passare una vacanza natalizia decisamente diversa. Una volta alla sola parola di studio durante le vacanze qualsiasi studente sarebbe scappato inorridito. Oggi invece i tempi sono decisamente cambiati: la lingua inglese è entrata a pieno titolo nelle nostre case e nelle cose che comunemente facciamo tutti i giorni; ascoltare musica, navigare in rete, programmare una vacanza. Come potremmo, senza una minima conoscenza della lingua inglese, riuscire a fare una prenotazione in rete scovando, fra tutti i siti, anche quelli internazionali, le migliori offerte di voli aerei o soggiorni all’estero? Questo lo hanno capito bene i giovani, soprattutto quei ragazzi che prevedono, giustamente, una forzata ricerca di lavoro all’estero. Infatti la grave crisi economica che ha colpito l’Italia non promette niente di buono per questi ragazzi; quindi per il futuro sarà giocoforza guardarsi intorno, fuori dal nostro paese, alla ricerca di buone opportunità lavorative.Quindi questi ragazzi, ben consapevoli che una lingua estera si impara solo soggiornando nel luogo dove si parla quella lingua, approfittano delle vacanze estive e natalizie per fare delle settimane di studio nelle maggiori capitali europee. Le mete preferite dai ragazzi rimangono sempre Londra, Madrid e Barcellona (forse ancora influenzati dal film di successo “L’appartamento spagnolo” che parlava delle avventure di studenti che arrivavano a soggiornare per studio nella bellissima capitale catalana). Comunque una nuova meta si sta facendo largo fra le capitali dello studio all’estero ed è Malta, una fantastica isola-stato che si trova al centro del Mediterraneo. Negli ultimi anni le scuole di inglese Malta sono cresciute come funghi. Il segreto di questa esplosione si può imputare da una parte alle straordinarie condizioni climatiche dell’isola in ogni periodo dell’anno e dall’altra parte dagli incentivi dello stato di Malta che ha intravisto in questo settore un possibile traino economico decisamente appetibile. Aggiungiamoci anche le tariffe dei voli low cost, negli ultimi anni divenute decisamente abbordabili.

Comunque consigliamo sempre, prima di fissare e dare un anticipo per una scuola di lingue, di informarsi bene in rete sui servizi che questa offre. Una delle scuole più importanti dell’isola è Maltalingua che da anni organizza nell’isola soggiorni linguistici per ragazzi conciliando studio e divertimento. Per maggiori informazioni visitate il loro sito internet all’indirizzo http://www.maltalingua.it/. La cordialità della popolazione di Malta e le bellezze dell’isola faranno di questo soggiorno linguistico un’esperienza che non dimenticherete facilmente.

Non farsi imbrogliare a Barcellona – parte 1

Barcellona è una città molto bella sotto molti punti di vista, ma bisogna ricordare che come in tutte le grandi città turistiche, la truffa è sempre in agguato. Ecco alcuni dei trucchi più usati in città:

Che ore sono?

Un classico ovunque: vi chiedono l’ora, e appena tirate fuori il cellulare ve lo prendono. In alternativa, mentre guardate l’ora un complice vi sfila il portafoglio.

Come evitarlo: se vi chiedono l’ora in spagnolo, fate finta di niente e continuate per la vostra strada. Meglio sembrare un po’ maleducati che farvi derubare!

Dov’è la palla?

Anche questo un classico, è il gioco in cui si deve indovinare dove è stata nascosta la pallina. Chi vince fa parte della truffa, senza dubbio.

Come evitarlo: basta non giocare, e se vi fermate a guardare allora tenete d’occhio le vostre cose.

Il venditore di rose

Vi offrono un fiore per strada, e poi vi chiedono soldi. A volte, se tirate fuori il portafoglio, ve lo prendono e guardano dentro per “aiutarvi” a pagare. E mentre voi cercate di riprendervelo o vi fermate a guardare i fiori un complice vi prende il cellulare o altro.

Come evitarlo: non fidatevi e non fermatevi. Per nessun motivo tirate fuori il portafogli.

In metro

Tutti classici! Se viaggiate in metro o autobus affollati, fate molta attenzione alle vostre cose. I borseggiatori sono molto abili, e di solito non lavorano da soli. Anche se vi rendeste subito conto di essere stati derubati è facile che il ladro abbia già passato la refurtiva al complice.

Come evitarlo: portate le cose importanti in tasche interne o cose del genere, altrimenti fate molta attenzione (sguardi, persone troppo vicine, ecc).

Ops! Mi aiuta a raccoglierle?

Spesso vi capiterà che vi vogliano vendere delle cartoline. Mentre fanno per passarvele, casualmente cadono tutte per terra, e voi da perfetti gentiluomini aiuterete il poveretto. Pessima mossa, perché nel frattempo qualcuno avrà già preso il vostro portafogli.

Come evitarlo: ora che lo sapete, non fatevi ingannare. Comprate le cartoline negli uffici turistici o nei tabacchini, non per strada.

In sostanza, alla fine non bisogna diventare paranoici, basta solo essere prudenti. Lasciate la maggior parte dei soldi e delle carte nel vostro appartamento a Barcellona, mettete le cose importanti al sicuro e non in tasche o posti alla mercé dei borseggiatori (tipo le tasche posteriori dei pantaloni o facilmente raggiungibili degli zaini). E soprattutto, se una situazione non vi convince del tutto allontanatevi.